International Day of Women and Girls in Science 2022 – Biografie

 

Giuliano Basso

Volendo iniziare come nell’autobiografia di Zio Paperone: “Nacqui quando ero molto piccolo…”. Dopo un inizio stentato all’Università mi son gettato alle spalle un possibile futuro come insegnante di Matematica per gettarmi nel mondo del lavoro. Dopo dieci anni di ONLUS ho deciso di cambiare radicalmente, e devo dire che è stata una scelta vincente. Sono entrato nell’INFN come Outreach manager nel Management Team del progetto HadronPhysics, un’Iniziativa Integrata dedicata alla fisica adronica, fra Infrastrutture di ricerca finanziata dall’Unione Europea. Al termine di questa esperienza sono stato inserito nell’organigramma dell’Amministrazione Centrale come collaboratore dell’ufficio che si occupa della formazione del personale, occupandomi nel contempo di diversi siti web, del database che registra tutte le attività di formazione e, con orgoglio, divenendo responsabile della piattaforma e-learning dell’INFN. Ah… alla fine ho ripreso gli studi, e mi sono laureato in matematica: mi piace concludere con una citazione di John Keating, ne “L’attimo fuggente”: Nulla è difficile per coloro che hanno la volontà.

 

Catalina Curceanu

Catalina Curceanu e’ nata in Transilvania, vicino al castello di Dracula. E’ ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Laboratori Nazionali di Frascati, dove dirige un gruppo di ricercatori, a lei piace chiamarli “esploratori dell’Universo”, che lavora nel campo della fisica sperimentale nucleare e quantistica, conducendo esperimenti sia in Italia (sull’acceleratore DAFNE e nei laboratori sotterranei del Gran Sasso) che all’estero e coordina vari progetti internazionali. Catalina è membro della Foundational Question Institute americana (FQXi), Cavaliere della Romania con l’ordine “Merito Culturale” e nel 2017 ha ricevuto il premio Emmy Noether della European Physical Society. Ha organizzato decine di conferenze internazionali ed è autore o coautore di più di 400 pubblicazioni scientifiche in riviste internazionali. Svolge un’intensa attività di formazione e divulgazione scientifica. Ha pubblicato il libro: Dai buchi neri all’adroterapia. Un viaggio nella Fisica Moderna (Springer – I Blu) e scrive per vari giornali e riviste italiane e rumene. Ha la passione di spiegare a tutti quanto è bello e affascinante il mondo della scienza.

 

Erika De Lucia

Dr. Erika De Lucia is an experimental particle physicists with long-term experience in particle detectors, complex particle physics experiments and related data analysis. She has established experience in research groups coordination for detectors R&D and Data Analysis, starting from her PhD in physics at the Sapienza Università di Roma and postdoctoral position within the KLOE international collaboration, and continuing within Belle II (Japan), KLOE-2 (Italy) and RD51 (CERN) international collaborations. She has been KLOE-2 Chief Financial Officer within INFN (2016-19) and is presently KLOE-2 LNF-INFN Group Leader, Convener of Kaon Physics Working Groups and member of both Policy and Analysis Boards. Starting from 2016 she is one of the BESIII experiment (China) referees for INFN National Scientific Committee on high energy physics experiments. She has been also working on application of particle physics detector techniques to medicine, in particular to hadron therapy treatments for cancer diseases and the development of monitoring techniques within INFN RDH project and the Italian Ministry Project INSIDE. Presently contributing to the test of fundamental laws of physics using neutral kaons, also studying their quantum interference, and to cutting edge micro pattern gas detectors of novel concept that could be used both at LHC experiments and for medical imaging and homeland security applications. Always passionate about her work, learning and elaborating new data analysis and detector development techniques, she has been mentoring several students and PhDs teaching them to show up and speak up and give their original contribution to team activities.

 

Eleonora Diociaiuti

Eleonora Diociaiuti è assegnista presso i Laboratori Nazionali di Frascati.Ha conseguito la laurea triennale e magistrale presso l’Università degli Studi di Roma Tre. Ha ottenuto nel 2020 il Dottorato di Ricerca in Fisica presso l’Università degli Studi di Tor Vergata collaborando con l’esperimento Mu2e, in fase di costruzione presso il Fermilab, Chicago (IL) e che ricercherà un rarissimo processo di violazione del sapore leptonico. Sul lavoro si divide tra laboratorio e simulazioni, in particolare si occupa dello studio della cattura radiativa del muone, uno dei fondi predominanti dell’esperimento.
Oltre alla ricerca è appassionata di divulgazione scientifica infatti il suo intervento si inserisce nel progetto “GRaffa – una Giovane parentesi sulla fisica”, vincitore del bando Vitamina G della Regione Lazio.

 

Luciana Filomena

Luciana FILOMENA è da 2019 assegnista di ricerca nei Laboratorio Nazionali di Frascati INFN-LNF. Il suo percorso di ricerca è iniziato nel settore della geologia, geomorfologia e delle osservazioni della Terra da Satellite, conseguendo il PhD nel 2018 presso l’Università della Calabria. Durante il dottorato di ricerca ha avuto la possibilità di lavorare in co-tutela con l’Università di Granada e con il Centre Tecnologic de Telecomunicacions de Catalunya (CTTC) a Barcellona.
Dal 2019, fa parte del gruppo SCF_Lab (http://w3.lnf.infn.it/lab/scf_lab/) e si occupa di ottica spaziale, tramite il testing e l’utilizzo di strumenti ottici passivi, Corner Cube Retroreflectors nei programmi di LASER Ranging. Segue inoltre la Product Assurance di Progetti Scientifici con ESA e ASI, tra cui LARES-2
(https://www.asi.it/scienze-della-terra/lares-2/) e Galileo Second Generation (https://www.esa.int/ESA_Multimedia/Images/2021/05/Galileo_Second_Generation).

 

Luca Foggetta

Luca Foggetta, comasco del 1976, è un fisico sperimentale delle particelle elementari: attualmente è impegnato nello sviluppo di rivelatori a stato solido, sviluppo e funzionamento di elementi di acceleratori di particelle per alte energie e di linee di trasporto di particelle cariche. Si laurea nel 2004 all’Università degli Studi dell’Insubria, sede di Como, con tesi riguardante l’esperimento “CUORE” su doppio decadimento β senza neutrino e con attività sperimentali nel regime delle basse e bassissime temperature dei rivelatori bolometrici. Successivamente partecipa ad altri esperimenti ed applicazioni tecnologiche in criogenia, sulla fisica del neutrino. Il percorso di ricerca coinvolge esperienza in ambito spazio, occupandosi di rivelatori a stato solido attraverso la partecipazione allo sviluppo e commissioning del tracker al silicio del satellite AGILE, lanciato nel 2007. Ora è inquadrato come tecnologo III livello all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare presso i Laboratori Nazionali di Frascati come coordinatore delle attività della Beam Test Facility dei Laboratori, staff del LINAC e del sincrotrone DAφNE, occupandosi di esperimenti in ambito nazionale ed internazionale riguardanti la fisica delle alte energie. Appassionato di neuroscienze, di psicologia applicata e di arti marziali: in questa ultima attività è stato sia fondatore che istruttore di scuole di arti marziali e di sport da combattimento.

 

Paola Gianotti

Paola Gianotti è dal 2016 la responsabile della divisione ricerca dei LNF.
La sua attività di ricerca è iniziata nel settore della spettroscopia adronica a Torino, dove si è laureta in fisica nel 1988.
Da allora ha lavorato in questo campo in diversi esperimenti al CERN (Ginevra) e più recentemente è stata tra i fondatori del nuovo laboratorio FAIR di Darmstadt (Germania) ricoprendo, all’interno della collaborazione Internazionale PANDA, ruoli di primopiano (vice spokesperson 2003-2013, physics coordinator 2014-2016).
Si è occupata anche di studi di Ipernuclei, sistemi nucleari dotati di “stranezza”, come membro e coordinatore del gruppo LNF dell’esperimento FINUDA. FINUDA è stato uno degli esperimenti portati avanti su DAFNE il collider dei laboratori di Frascati.
Recentemente, ha iniziato a lavorare in un nuovo esperimento dei LNF che ricerca segnali di materia oscura leggera.

 

Ivano Sarra

Ivano Sarra è un ricercatore della Divisione Ricerca dei LNF. La sua attività di ricerca si divide tra i Laboratori di Frascati e il FermiLab di Chicago e si concentra sullo sviluppo dei rivelatori di particelle.
Dal 2009, lavora allo sviluppo e realizzazione del calorimetro elettromagnetico per l’esperimento Mu2e, che verrà installato al Fermilab di Chicago durante il 2022. Da circa due anni è coordinatore di un’attività di ricerca, da lui proposta, volta alla realizzazione di una innovativa tipologia di calorimetro elettromagnetico, il calorimetro semi-omogeneo Crilin per un futuro Muon Collider. Inoltre, partecipa attivamente all’esperimento PADME, operante alla BTF dei LNF, volto alla ricerca del fotone A’, sospetto mediatore dell’interazione tra materia ordinaria e materia oscura.

 

Sara Silvi

Sara è una new entry dell’INFN e da circa due anni si occupa di gestione e rendicontazione di progetti europei, nazionali e internazionali presso l’Ufficio Fondi Esterni dei Laboratori nazionali di Frascati.
Si laurea in Scienze Politiche con specializzazione in Geopolitica, consegue Master, specializzazioni e un Dottorato in Scienze Economico-Sociali, nel tempo libero si Diploma in Pianoforte. Viaggia per motivi di studio, impara nuove lingue tra cui il russo. Mamma di due piccoli maschietti, stanca di un lavoro che ormai da anni non ama più, decide di affrontare una nuova sfida; ricominciare a studiare e cambiare lavoro. Accolta dall’INFN, Sara scopre un mondo inaspettato, in cui entusiasmo ed energia non mancano mai. Impara un nuovo mestiere, dà il proprio apporto alla nascita e allo sviluppo dei progetti di ricerca, sente vivo il suo contributo a qualcosa di più grande di lei. Conosce un Ente in cui il lavoro di squadra è la chiave di ogni successo, in cui la Ricerca premia ed incoraggia i lavoratori. Sa che ogni giorno può crescere e migliorare. Studia per svolgere al meglio il suo nuovo ruolo, ricomincia a studiare per rispondere alla sua sete di conoscenza ed è oggi vicina alla sua nuova Laurea.
Ha promesso a se stessa di non smettere mai di imparare!